Come e perché l’Ipnosi è terapeutica e psicoterapeutica

L’IPNOSI È terapeutica in primo luogo poiché lo stato particolare della trance ipnotica è accompagnato da uno stato di rilassamento psicofisico generale, e quindi, dal momento che la mente ed il corpo vengono indotti ad uno stato di calma, l’organismo libera determinate sostanze biochimiche comunemente chiamate neurotrasmettitori come la serotonina ed alcuni tipi di catecolamine ed endorfine che per via naturale apportano uno stato di benessere e di salute interrompendo circuiti mentali e biologici ripetitivi che altrimenti riprodurrebbero stati di sofferenza o di ansia.

Ma sostanzialmente è terapeutica poiché durante lo stato di trance ipnotica viene suscitato un particolare livello di coscienza e di conoscenza ove il terapeuta, senza interferire con le proprie interpretazioni o altre forme di proposizioni, accompagna la persona incoraggiandola a rivedere ed organizzare il mondo emotivo, il ruolo dei significati attribuiti alle esperienze ed a dissolvere quelle formazioni che la mente subconscia o inconscia ha sviluppato in relazione alle esperienze vissute che, anche a distanza di tempo, possono creare disturbi psicodinamici o comportamenti inadeguati.

È psicoterapeutica poiché nello stato di trance ipnotica possono essere rivisitate in modo obiettivo, ma emotivamente presente e criticamente coinvolgente, tutte quelle esperienze traumatiche che hanno causato ansia o significati patologici spesso caratterizzando uno stile di vita reattivo non naturale e certi lati del carattere che vengono mal tollerati.

Rivisitare l’emotività legata ad esperienze precedenti non vuoi dire ricordare, così come accade nella seduta psicoanalitica, bensì significa rivivere pienamente le stesse condizioni emotive, mentre un’altra parte del nostro lo osserva obiettivamente e creativamente ridimensionando il significato e lo sviluppo delle condizioni inadeguate, psicologiche e psicodinamiche.

Durante lo stato di trance ipnotica il soggetto può rimanere sorpreso perché percepisce il fluire delle emozioni che affiorano spontaneamente dal corpo alla mente con tutto il significato prima occultato, senza che la parte razionale debba intervenire con associazioni o interpretazioni.